RifugiArti | In Migrazione
  • contatti
  • sostienici
  • newsletter
  • facebooktwitteryoutube
 

RifugiArti

La bellezza strumento di accoglienza e integrazione

 “Se si insegnasse la bellezza alla gente si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà”. Peppino impastato

Da questa convinzione nasce l’idea del progetto RifugiArti, una sfida ambiziosa per provare a cambiare la prospettiva sull’accoglienza e sul sostegno verso l’inclusione sociale dei Rifugiati. Persone che, costrette a lasciare le loro case e i loro affetti a causa di guerre, persecuzioni e violenze, arrivano in Italia dopo viaggi lunghi e drammatici.

RifugiArti è uno spazio accogliente e protetto dove coinvolgere i rifugiati in un percorso di scoperta e di crescita positiva attraverso l’arte. Un luogo dove esprimere le proprie emozioni attraverso la pittura, il disegno e la scultura e dove scoprire il bello attraverso visite a musei, palazzi, piazze, mostre, laboratori e atelier di altri artisti. Un progetto per far incontrare quei talenti artistici ancora sopiti e inespressi, sostenendoli in quella maturazione che può portare a una concreta autonomia lavorativa e ad un reale contributo al Paese ospitante.

RifugiArti è un laboratorio d’Arte, di idee e di inclusione

Con richiedenti asilo e rifugiati:

  • realizziamo laboratori di animazione corporea, di pittura, di disegno, di scultura e più in generale di creatività espressiva;
  • apriamo le porte di un Atelier libero e gratuito, dove poter dare spazio all’individuale creatività e capacità artistica.

Grazie a RifugiArti abbiamo incontrato Fasasi, artista rifugiato nigeriano. Lo abbiamo accompagnato nella realizzazione di sculture e nella promozione di esposizioni che hanno ricevuto grandi apprezzamenti dal pubblico, dai media e da esperti d’arte.

 

Puoi sostenere il progetto RIfugiArti anche con il tuo 5x1000

 

E’ con RifugiArti che Fasasi può oggi dire “Ero uno scultore nella Nigeria da cui sono stato costretto a scappare, il mio percorso d'inclusione in Italia prosegue per continuare ad essere uno scultore. Modello con la terra cotta la mia storia, la mia memoria, la mia identità”.

Con RifugiArti vogliamo ribadire la necessità, attraverso la concretezza del fare, di trasformare i centri di accoglienza dedicati ai richiedenti asilo e ai rifugiati in luoghi positivi. Qualità degli spazi, ma anche qualità delle relazioni umane e delle proposte progettuali per aiutare queste persone che non conoscono il nostro complesso Paese ad entrare in contatto con la parte più sana della nostra società e dei territori. Tanto più un rifugiato viene messo in contatto con la bellezza, tanto più sarà stimolato a mettere in gioco la parte migliore di sé, contribuendo anche alla crescita del territorio.

La bellezza è quindi l’elemento che unisce tutti, persone accolte e comunità ospitante, per sostanziare e accompagnare un dato di realtà: le migrazioni sono un’opportunità più che un problema.