Odissea afghana

Il viaggio dei richiedenti asilo afghani per raggiungere l'Europa

Più di 5.000 chilometri percorsi a piedi, nascosti sotto camion, su barchette sgangherate. Un viaggio lungo anni, vissuti tra pericoli, umiliazioni, paura e soprusi.

Questa in sintesi l’odissea che migliaia di afghani vivono ogni anno per sfuggire alla guerra, alla violenza e alle torture.

In Migrazione propone un’inedita raccolta di testimonianze di coloro che sono sopravvissuti, che ce l’hanno fatta ad arrivare in un porto sicuro: l’Italia.

Racconti di una rotta drammatica seguita da tanti che tentano di raggiungere l'Europa non per scelta, ma per ineludibile necessità di salvare la cosa più importante: la propria vita.

Giovani rifugiati che In Migrazione ha incontrato nelle sue attività e nei suoi progetti, ascoltando e raccogliendo le loro storie, dando spazio a quelle parole che per troppo tempo avevano detto sottovoce e che invece volevano, finalmente, urlare.


SFRUTTAMENTO E CAPORALATO IN ITALIA - Nuovo Webinar gratuito

Il 4 marzo 2024: Il ruolo degli enti locali nella prevenzione e nel contrasto

Per Motivi di Giustizia - Webinar gratuito

Le ragioni di un impegno e di un metodo contro lo sfruttamento e le agromafie.

Pronti per una nuova emergenza profughi?

Porti chiusi ai rifugiati, porte aperte al business dell'accoglienza

Invece si può!

Storie di accoglienza diffusa a cura di In Migrazione e Oxfam

Governo ti teniamo d'occhio: DAI FATTI ALLE PAROLE

In Migrazione lancia l'Osservatorio permanente sulle politiche governative in tema di protezione internazionale

Vai all'archivio

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sui corsi di formazione, sui progetti e sulle attività di In Migrazione

Vai
Dossier

SFRUTTAMENTO E CAPORALATO IN ITALIA - Nuovo Webinar gratuito

Il 4 marzo 2024: Il ruolo degli enti locali nella prevenzione e nel contrasto

leggi tutto >
Dossier

Invece si può!

Storie di accoglienza diffusa a cura di In Migrazione e Oxfam

leggi tutto >
Dossier

Doparsi per lavorare come schiavi

L'indagine sull'uso di sostanze illecite da parte di alcuni braccianti sikh per sopportare la fatica del lavoro nei campi dell'Agro pontino

leggi tutto >