Doparsi per lavorare come schiavi

L'indagine sull'uso di sostanze illecite da parte di alcuni braccianti sikh per sopportare la fatica del lavoro nei campi dell'Agro pontino

Raccolta manuale di ortaggi, semina e piantumazione per 12 ore al giorno filate sotto il sole, chiamando padrone il datore di lavoro, subendo vessazioni e violenze di ogni tipo.

Quattro euro l’ora nel migliore dei casi, con pagamenti che ritardano mesi, e a volte mai erogati, violenze e percosse, incidenti sul lavoro mai denunciati e “allontanamenti” facili per chi tenta di reagire. 

In questa situazione di inaccettabile sfruttamento In Migrazione ha denunciato, raccogliendo numerose testimonianze, l'uso di sostanze dopanti come antidolorifici per sopportare la fatica di questo lavoro.

Un'indagine ha portato i riflettori su questa zona d'ombra a pochi passi dalla Capitale, destando l'attenzione delle Istituzioni e della politica.

 


Le vere conseguenze drammatiche del taglio dei 35 euro all'accoglienza

L'analisi del nuovo schema per gli appalti dei Centri di Accoglienza presentato da Salvini

Straordinaria Accoglienza

Dossier sui Centri di Accoglienza Straordinaria attivati dalle Prefetture in Italia

Giunta Raggi: fallimento accoglienza rifugiati a Roma

Quasi 800 profughi abbandonati in strada e nei parchi, così il Comune crea problemi di sicurezza

Cattiva accoglienza e sfruttamento in agricoltura

Nel Pontino richiedenti asilo reclutati dai caporali

Accoglienza rifugiati: un'ordinaria emergenza

Dati inediti sul sistema di accoglienza italiano dedicato ai migranti forzati

Vai all'archivio

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sui corsi di formazione, sui progetti e sulle attività di In Migrazione

Vai