Cattiva accoglienza e sfruttamento in agricoltura

Nel Pontino richiedenti asilo reclutati dai caporali

I Caporali in provincia di Latina arruolano richiedenti asilo: ancora una delle conseguenze connesse alla cattiva accoglienza. Centri dove le persone mangiano e dormono, senza servizi capaci di coinvolgere i richiedenti asilo e senza una puntuale conoscenza di cosa fanno le persone accolte.

Così in provincia di Latina i richiedenti asilo vengono reclutati dai caporali per lavorare con ritmi infernali e stipendi da fame. Un modo da parte di alcuni imprenditori agricoli (che così schiacciano la parte sana dell'economia pontina) per sostituire l'esercito di braccianti Sikh, dopo che hanno alzato la testa e ottenuto qualche diritto in più, con l'ultima frontiera della disperazione: i profughi.

Due bellissimi articoli, ai quali In Migrazione ha collaborato, raccontano questo inedito fenomeno. Una nuova frontiera del caporalato, conseguenza anche di un sistema di accoglienza che non riesce ancora a garantire la qualità necessaria.


Le vere conseguenze drammatiche del taglio dei 35 euro all'accoglienza

L'analisi del nuovo schema per gli appalti dei Centri di Accoglienza presentato da Salvini

Straordinaria Accoglienza

Dossier sui Centri di Accoglienza Straordinaria attivati dalle Prefetture in Italia

Giunta Raggi: fallimento accoglienza rifugiati a Roma

Quasi 800 profughi abbandonati in strada e nei parchi, così il Comune crea problemi di sicurezza

Accoglienza rifugiati: un'ordinaria emergenza

Dati inediti sul sistema di accoglienza italiano dedicato ai migranti forzati

Migranti e territori. Lavoro diritti accoglienza

Una collettanea di ricerche sulle migrazioni coniugate allo scenario attuale

Vai all'archivio

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sui corsi di formazione, sui progetti e sulle attività di In Migrazione

Vai