La "buona accoglienza" a Casa Benvenuto per contribuire a cambiare l'esistente

Trasformare l’accoglienza dedicata a richiedenti asilo e rifugiati in un luogo di bellezza direttamente collegato con la parte più sana dei nostri territori e della nostra comunità, perché vivere il bello aiuta tutti a mettere in gioco il meglio di se: questo uno degli ambiziosi obiettivi che In Migrazione si pone nel suo lavoro quotidiano. 

Per questo gestiamo a Roma il Centro d’Accoglienza Straordinaria “Casa Benvenuto”, attivato dalla Prefettura di Roma, che ospita 20 richiedenti asilo, uomini singoli. Dopo un triennio di gestione SPRAR, periodo in cui “Casa Benvenuto” è stato uno dei progetti di punta di Roma Capitale, abbiamo deciso di impegnarci nella “prima accoglienza”, dedicata a coloro che, scappando da guerre e violenze, sono appena arrivati in un porto sicuro.

Siamo convinti che oggi sia proprio la “prima accoglienza” a vivere forti criticità e per questo vogliamo dimostrare come sia possibile anche in un Centro di Accoglienza Straordinaria sviluppare percorsi di qualità. A “Casa Benvenuto” garantiamo servizi performanti, efficaci e di qualità sia per le persone ospitate che per la comunità ospitante.


Un infermiere in classe

Una delle tante possibilità di un'équipe multidisciplinare

Alla scoperta del territorio

Sfidando le afose giornate di agosto per trovare luoghi positivi e unici

A “Casa Benvenuto” riparte l'accoglienza

Dopo l' esperienza SPRAR In Migrazione in campo nella prima accoglienza

Storie: Suleiman e l'integrazione 4.0

Un percorso d'integrazione sulle nuove tecnologie Web e gestione ed analisi dei Big data

Storie: con Slow Food e Eataly Cuochi si diventa

Nelle prestigiose aule all'interno di Eataly Roma, Zulfiquar studia per diventare Chef

Vai all'archivio